Disegnatore di funzioni online dating

Architetture, come quelle di Herzog e de Meuron – solo per fare un esempio – che, già dalla fine degli anni novanta, propongono un attento lavoro di analisi e di approfondimento sul rapporto tra superficie e spazio, tra “abito” e struttura costruttiva, tra narrazione e comunicazione.

Tale tipo di ricerca, non relativa solo all’architettura, ma applicata anche nel campo del disegno degli interni, dei complementi di arredo e del design, permette di focalizzare l’attenzione direttamente sui valori e sulle potenzialità del portato espressivo della scrittura delle superfici, della decorazione.

Architectures as those by Herzog and de Meuron – just to make an example – which, already since the late Nineties, feature an attentive analysis and in-depth research on the relationship between surface and space, between the “clothes” and the structure of the building, between narration and communication.

disegnatore di funzioni online dating-28disegnatore di funzioni online dating-59disegnatore di funzioni online dating-10

Pattern ottenuti dall’associazione e la permutazione di una matrice tipo; deformazione, permutazione e alleggerimento graduale del decoro; applicazione del metodo ad uno dei decori realizzati da Gio Ponti per il Parco dei Principi di Sorrento. Per me il colore è vita, è un modo per gestire e toccare con mano le proprie emozioni, la nostra psiche, il nostro lato spirituale.

Pattern obtained by association and permutation of a standard matrix; deformation, permutation and gradual lightening of the decoration; application of the method to one of the decorations realized by Gio Ponti for the Princes’ Park of Sorrento. Alcuni colori sono forti, altri sono più tenui, ciò che è veramente importante è trovare la giusta sfumatura, la giusta tinta, la giusta saturazione di ogni colore e saperli poi abbinare.

Deve accettare e superare, nel creare la sua infinita gerarchia di forme, una serie di restrizioni che non potremmo mai apprezzare se non davanti al prodotto finito. area: Quanto conta la materia e i materiali nei tuoi progetti e quanto i colori, il disegno, l’immagine? R.: Il mondo sta diventando sempre più in grado di comprendere, sia le informazioni che riceve che gli input visivi, i consumatori vogliono essere stimolati dall’ambiente che li circonda.

“Il disegno si radica nel movimento”2, ed è caratterizzato da un procedimento ordinato, una “complicazione per gradi”3, che inquadra e riempie, delimita campi e organizza lo spazio. Se oggi qualcuno decide di fare shopping in un negozio piuttosto che online, l’esperienza deve essere allettante, seducente, ispirante.

Actually, such a pure form does not exist, as decoration, in architecture “is by principle superfluous, but its superfluity, far from making it eliminable, reveals the existence of a need which goes beyond the very principle of function, […] anyone who seeks to eliminate it will inexorably, and sometimes distressingly, find himself face to face with its ghost”3.

In this historical and critical context new research which on the contrary explicitly refers to decoration and to the relationship between shell and space and, in particular, between the skin of the shell and the structure of the margins, is emerging.

Since one has become aware of its possible autonomy with respect to the body supporting it, or in other words of the dual level of communication provided by the requirements of construction techniques as compared to those related to descriptive and communicative aspects, we are witnessing an experimentation which explores, more and more extensively, the merits of the rules and the very reasons of stylistic and decorative phenomena. Masiero, Praise of decoration against superficiality, in “Rassegna” 41/1, 1990, I sensi del decoro.

The study of historical patterns, based on the familiarity and recognisability of forms rooted in tradition, has given rise to the concept of oversized graphic decorative details, the extrapolation of single signs, the inversion of massive and empty areas, of positive and negative, the materialization of only two-dimensional traces on the surface and objects that invade space, conquering a completely new physical dimension. Giardiello, La decorazione negli interni, “area”, 47, 1999. It should be noted that a more essential language, characterized by rigorous lines, it isn’t a “non-decorative” language, it doesn’t realize not decorated spaces or objects, but it is simply a type of geometric decoration related to materials and colors, patterns and textures that produce a more severe aspect. design focus essay decor-azione, interpretazione e sperimentazione di nuovi pattern decorative action, interpretation and experimentation of new patterns text by Viviana Saitto “E sempre penso a queste infinite possibilità dell’arte: date ad uno un quadrato venti per venti e, benché nei secoli tutti si sian sbizzarriti con infiniti disegni, v’è sempre posto ancora per un disegno nuovo, per un vostro disegno.

Nothing will happen, because the last design will never come, and there will never be a last designer”. The plates realized by Douat may be consulted in: E. Karim Rashid: Nell’era digitale esiste un nuovo linguaggio, un vernacolo che io chiamo “infostetica”, ovvero l’estetica dell’informazione.

Tags: , ,